con la collaborazione scientifica di
ISSN 2611-8858

Post

El decomiso de las ganancias de la corrupción en Italia. En busca de las garantías perdidas

Nel settore del contrasto alla corruzione in Italia, l’istituto della confisca dei proventi illeciti, nell’ultimo ventennio, si è frantumato in un arcipelago di strumenti ablativi, con presupposti e principi direttivi assai eterogenei. La logica che ispira questo processo di differenziazione è sostanzialmente efficientista e mette a rischio le garanzie fondamentali del diritto penale e più in generale dello Stato di diritto

L'epilogo del caso Taricco: l'attivazione 'indiretta' dei controlimiti e gli scenari del diritto penale europeo

La chiusura del caso Taricco, sancita dalla Corte costituzionale con la recente sentenza n. 115 del 2018, offre rilevanti spunti non solo per analizzare la dinamica del confronto instauratosi tra Corte costituzionale e Corte di Giustizia in merito alla possibile disapplicazione in malam partem della disciplina interna degli atti interruttivi della prescrizione, ma anche e soprattutto per riflettere sulle possibili evoluzioni, sul piano interno e sovranazionale, del principio di legalità e in particolare del canone di sufficiente determinatezza della norma penale

The Italian Constitutional Court on assisted suicide

Qualche giorno fa la Corte costituzionale italiana ha pubblicato la sua prima decisione sul suicidio assistito. La Corte ha ritenuto che la legislazione italiana attualmente in vigore, prevedendo un divieto assoluto di assistere altri nel suicidio, viola i diritti fondamentali di pazienti che siano (a) affetti da una patologia irreversibile e (b) fonte di sofferenze fisiche o psicologiche assolutamente intollerabili, i quali siano (c) tenuti in vita a mezzo di trattamenti di sostegno vitale, ma restino (d) capaci di prendere decisioni libere e consapevoli. Tuttavia, ritenendo necessaria una regolamentazione legislativa della materia, la Corte si è per il momento astenuta dal dichiarare l’incostituzionalità della disposizione, rinviando il caso a una apposita udienza già fissata nel settembre dell’anno prossimo, per offrire al Parlamento l’opportunità di intervenire con una regolamentazione appropriata, in conformità ai principi stabiliti nella decisione della Corte

È possibile la compliance nella PMI?

La previsione della responsabilità penale delle piccole imprese ha finalità preventiva. La compliance penale per queste imprese è proporzionalmente più costosa rispetto a quella delle imprese medie e grandi, tale problema può essere affrontato attraverso azioni collettive e l’informatizzazione

Francisco Muñoz Conde, jurista y penalista universal

Laudatio pronunciata all’atto di consegna della medaglia Cesare Beccaria da parte della Sociedad Internacional de Defensa Social, a Salamanca, il 4 ottobre 2018

Market Abuse Evolution after the MAD II and the MAR: how Italy Amended its Legislation in Light of the Regulation (EU) 596/2014

Le modifiche alla disciplina italiana degli abusi di mercato in attuazione del Reg. (UE) 596/2014 si innestano in un settore travagliato e al centro del recente dibattito dottrinale e giurisprudenziale, che ha coinvolto anche le Corti europee. Le soluzioni adottate dal d. lgs. 107/2018 non risultano convincenti, né risolutive delle numerose problematiche che affliggono il comparto del market abuse

In tema di aiuto al suicidio la Corte costituzionale italiana intende favorire l’abbrivio di un dibattito parlamentare

Pubblichiamo un primo commento alla ordinanza n. 207 del 2018, con la quale la Corte costituzionale italiana - per consentire in primo luogo al Parlamento di intervenire con un’appropriata disciplina - ha rinviato la trattazione delle questioni di legittimità costituzionale sollevate sull’articolo 580 c.p. (che punisce l'aiuto al suicidio). Il contributo è altresì pubblicato sul portale www.diritticomparati.it

Legalità costituzionale, legalità convenzionale e diritto giurisprudenziale

L’apertura della legalità penale al diritto giurisprudenziale operata dall’art. 7 CEDU apre preoccupanti interrogativi circa la tenuta della legalità penale costituzionale di molti Paesi europei di civil law storicamente incentrata sul principio di riserva di legge parlamentare. Questo disallineamento non può, però, comportare una trasfigurazione del nullum crimen sine lege nel nullum crimen sine iure in tali ordinamenti e, quindi, imporre loro una equiparazione tra formante legislativo e giurisprudenziale in materia penale. Molto più semplicemente consente di implementare le garanzie per i consociati quando – ragionando diversamente e non riconoscendo valore-fonte alla giurisprudenza – si rischierebbe di frustrare i principi di irretroattività e di retroattività della lex mitior. Ciò significa che il judicial law continua a non essere assimilabile allo statutory law nei prevalenti casi di fisiologico contrasto interpretativo sincronico e diacronico, ma solo in quelli ‘limite’ dell’overruling in malam partem oggettivamente ed assolutamente imprevedibile e dell’overruling in bonam partem effettuato dalle Sezioni unite

La remisión de la situación de Venezuela a la Corte Penal Internacional ¿una medida efectiva o efectista por parte de los Estados Americanos?

La recentissima rimessione della questione venezuelana alla Corte penale internazionale ad opera di alcuni paesi americani, Stati Parte dello Statuto di Roma, ha suscitato l’attenzione mediatica della stampa sudamericana. Questo contributo pone in luce le limitate conseguenze giuridiche che la rimessione – da sé sola – può produrre, e descrive ciò che gli Stati effettivamente interessati nel rendere funzionante il sistema della giustizia penale internazionale potrebbero fare

Urgente: dos órganos de cumplimiento en las empresas

Diversamente dall’interpretazione contra legem prospettata dalla Procura, l’organo di supervisione cui fa riferimento l’art. 31 bis 2.2° del codice penale spagnolo è un organo differente rispetto al compliance officer. Seguendo il modello italiano, il legislatore istituisce specificamente un organo per il controllo degli amministratori e degli alti dirigenti, a causa della sfiducia che genera l’esistenza di un efficace autocontrollo da parte degli stessi