con la collaborazione scientifica di
ISSN 2611-8858

Gli Stati ribelli "sanzionano" la Corte penale internazionale

Richard Falk

Gli Stati Uniti e Israele agiscono come Stati ribelli e rifiutano di accettare l'autorità della CPI

Report della Special Rapporteur delle Nazioni Unite per le esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie, 9 luglio 2020

Chantal Meloni

Omicidi mirati mediante droni e il caso del generale iraniano Quassem Soleimani

Le udienze in videoconferenza ai tempi del Covid-19 (parte 2)

Jaime Vera Vega

Il presente lavoro, che corrisponde alla seconda parte di quello pubblicato su Crimanal Justice Network lo scorso 23 giugno, affronta i rimanenti disagi che possono essere generati dal fatto che l'udienza del processo orale si svolga attraverso sistemi di connessione remota. In particolare, si tratta di questioni relative ai possibili effetti sul principio del contraddittorio, ai problemi legati al controllo delle prove, agli effetti che un eventuale accordo da parte dei partecipanti (in particolare dell'imputato) potrebbe avere, alle difficoltà di sviluppo della comunicazione tra l'imputato e il suo avvocato durante il processo, agli effetti sulla pubblicità e al conflitto con il diritto ad essere giudicato entro un termine ragionevole. Questa analisi viene effettuata con riferimento alle norme contenute nel Codice di Procedura Penale Cileno.

Il Conseil constitutionnel francese si pronuncia sulla legittimità costituzionale del reato di violazione del divieto di uscire dalla propria abitazione

I diritti al tempo dell'emergenza sanitaria

Emergenza Covid-19 nell’UE – Incidenza sui diritti fondamentali – Terzo bollettino dell’Agenzia Europea per i Diritti Fondamentali (FRA)

Il bollettino esamina l'impatto del Covid-19 sui diritti fondamentali in importanti settori della vita quotidiana

Responsabilità penale per i trasgressori della quarantena? Revisione critica degli articoli 318 e 318 bis del Codice penale (nuova legge n. 21.240): più micro che macro...

Fernando Londoño Martinez

La discussione sullo status penale della condotta in violazione del coprifuoco e della quarantena sotto Covid-19 si è accesa in Cile. Il pubblico ministero e i difensori d’ufficio hanno mantenuto tesi contrastanti e la questione ha finito per interessare il Parlamento, che ha recentemente varato una legge per " dirimere" la controversia (legge n. 21.240 del 20 giugno). L'autore offre qui di seguito una sintesi del dibattito, rivede criticamente i contenuti sostanziali della nuova legge e offre proposte specifiche di interpretazione della stessa (con linee). Al tempo stesso, il contributo mette in luce il valore funzionale dell'antico e “disprezzato” art. 318 del Codice Penale. In due parole: il legislatore adotta una prospettiva angusta della problematica (quella incentrata sulla condotta dei cittadini), piuttosto che affrontare il problema nella sua dimensione istituzionale.

AGENDA